20
Mon, Nov

Electric Tour, due giorni di “lavoro” per i meccanici “a posto”

Partner
Typography
È stato senza dubbio un successo la doppia tappa campana dell’Electric Tour di Quattroruote. Il 25 a Salerno e il 26 ad Afragola, nei parcheggi Ikea, lo staff del mensile automobilistico si è prodigato per consentire a tutti gli automobilisti presenti di effettuare un test drive con le auto ibride o elettriche messe a disposizione dalle più importanti case automobilistiche. Ed è stato un successo anche per i meccanici della rete “a posto” che grazie a Rhiag hanno partecipato all’iniziativa sottoponendo nelle due tappe, ben oltre i cento autoveicoli ad una sorta di “radiografia” per verificare lo stato di salute delle vetture. I controlli gratuiti alle vetture hanno consentito agli automobilisti di saperne di più sullo stato di usura delle parti del veicolo, in modo da correre ai ripari per garantire la sicurezza della propria vettura. E proprio la sicurezza, vera “mission” di Rhiag e della rete “a posto”, è stato al centro della doppia tappa dell’Electric Tour di Quattroruote. Se da un lato, appunto, l’intento è quello di porre al centro dell’attenzione le vetture “pulite”, dall’altro grazie a Rhiag e alla sua rete officina “a posto”, il focus diventa proprio la sicurezza, elemento imprescindibile per la guida di una vettura. E più lo stato di salute dell’auto è ottimo, più garantita è la sicurezza propria e degli altri. Numerosi i meccanici della rete “a posto” che si sono alternati nella due giorni campana e tra questi Gennaro Guastafierro, associato della prima ora di CircoloMotori. Anche la sicurezza degli pneumatici è stata messa alla prova grazie alla presenza dei tecnici del centro First Stop di Bridgestone. Esperti qualificati che hanno verificato lo stato di usura delle gomme delle vetture che si recavano ai controlli meccanici gratuiti. I problemi maggiori riscontrati? Tra gli pneumatici sicuramente lo scarso controllo della pressione da parte del proprietario dell’auto, ma anche una “dimenticanza” sullo stato di usura degli stessi. Per quanto riguarda i controlli meccanici degli specialisti della rete “a posto”, sicuramente lo stato di efficienza della batteria dell’auto, ma anche i livelli di olio freni e motore. Da non sottovalutare le fasi della distribuzione e nel mirino dei meccanici “a posto” anche indicatori di direzione, fari e tergicristalli. Insomma, un vero e proprio check up gratuito nel segno della sicurezza.